Cerca utilizzando il calendario eventi Cerca utilizzando la mappa dei comuni Cerca utilizzando un elenco di categorie Consulta il Giornale Online
Ricerca libera

 

Rilevamento ambientale

All’interno del servizio volontario GEV della Comunità Montana del Triangolo Lariano, è stato individuato un gruppo che si occupa anche del rilevamento ambientale. In questo modo viene valorizzato e utilizzato il bagaglio culturale delle singole guardie che, in diversi casi, si spinge ad un tangibile livello di specializzazione. Questo permette al gruppo delle Guardie Ecologiche Volontarie di svolgere un capillare rilevamento naturalistico del territorio di propria competenza, raccogliendo informazioni e dati sulle peculiarità e i punti di forza dell’area, per favorire la valorizzazione e la conservazione della natura.

Il servizio di vigilanza ecologica può costituire un importante mezzo per approfondire la conoscenza del territorio grazie a un approfondito rilevamento naturalistico. Il rilevamento degli aspetti ambientali rappresenta uno degli aspetti più importanti dell’apporto esplorativo delle guardie volontarie.
In linea di massima le segnalazioni riguardano sia aspetti legati agli habitat (per esempio la presenza di elementi naturali non segnalati o segnalati in modo incompleto sulla cartografia di riferimento) sia aspetti legati a flora e fauna (per esempio dati che riguardano nel tempo sia la presenza/assenza di determinate specie sia la consistenza delle popolazioni in relazione al mutamento dell’ambiente in cui vivono) che tengono in considerazione anche delle tracce e delle specie alloctone (non originarie del territorio) osservate.
Risulta evidente la grande importanza della periodicità delle segnalazioni, infatti mentre per quanto riguarda elementi abiotici quali massi erratici e/o elementi geomorfologici è sufficiente la segnalazione singola, per quanto riguarda aspetti legati ad elementi biotici quali flora e fauna è necessario un costante monitoraggio per avere un chiaro quadro di insieme e capire nel dettaglio le cause di eventuali eventi. Alla luce di questo risulta evidente che non si deve ritenere superflua nel caso di vegetazione e animali la ripetizione di segnalazioni già fatte in precedenza. La disponibilità di un elevato numero di segnalazioni in tutti i settori delle scienze naturali può costituire una base per la realizzazione di ricerche scientifiche più specifiche.
Tutti i dati che vengono raccolti durante i servizi di vigilanza ecologica hanno una maggiore utilità se corredati da una completa documentazione fotografica.
Spesso poi queste tipologie di segnalazioni sfociano in azioni di salvaguardia attiva o in azioni di gestione diretta dell’ente come per esempio il caso delle migrazioni degli anfibi, la conservazione di particolari habitat e di specie animali e vegetali a rischio.

Alcuni habitat nei quali vengono effettuati gli interventi sono:

- Aree umide;

- Boschi e selve;

- Prati e pascoli.

 
Galleria fotografica
homehomehomehome
 
 
 
Web Consulting: Anzani Trading Group